Progetto in collaborazione con il Comune di Reggio Emilia e la Regione Emilia-Romagna

Tutte le informazioni aggiornate su Cortocircuito sono disponibili sul sito internet www.cortocircuito.re.it

***

Cortocircuito è un’associazione culturale antimafia nata nel 2009 a Reggio Emilia, formata da studenti universitari e da giovani di diverse città del Nord Italia.
Le attività sono iniziate con il giornalino studentesco indipendente Cortocircuito, composto anche da una web-tv, di alcuni licei e scuole.

Hanno parlato delle attività dell’associazione Cortocircuito le principali testate nazionali (Tg1, Tg2, Tg3, La Repubblica, Il Corriere della Sera, Il Fatto Quotidiano, Il Sole 24 Ore, ecc.) e anche numerosi media esteri (in Germania, Francia, Svizzera, Danimarca, ecc.).

Diverse inchieste di Cortocircuito sono state citate nel maxi-processo “Aemilia”, il più grande processo di mafia del Nord Italia. Un’altra inchiesta di Cortocircuito è stata proiettata in Tribunale nel procedimento giudiziario contro il boss Grande Aracri ed è citata nel decreto ufficiale di scioglimento del Consiglio Comunale di Brescello, il primo Comune sciolto per mafia in Emilia-Romagna.

Inoltre Cortocircuito ha realizzato più di 280 incontri pubblici di sensibilizzazione in tutta Italia e anche all’estero.

 

logo cortocircuito associazione 2015 ok

Nel 2014 il presidente del Senato Pietro Grasso, durante il 20° Vertice Nazionale Antimafia, ha consegnato il “Premio Scomodo” nelle mani del coordinatore di Cortocircuito.

Nel 2013 Cortocircuito ha ricevuto il premio, consegnato all’Università di Bologna, come migliore web-tv di denuncia d’Italia.

Altri riconoscimenti (ricevuti dal coordinatore Elia Minari) per le attività di Cortocircuito: il premio “Iustitia” assegnato dall’Università della Calabria, il premio “Resistenza” conferito da parte di Salvatore Borsellino, il premio “Articolo 21” consegnato a Roma dal presidente della Federazione Nazionale della Stampa, il premio “Rocco Cirino” dell’Osservatorio Molisano Legalità e il conferimento della cittadinanza onoraria da parte del Consiglio Comunale di Bibbiano.

***

Il libro dell’anno 2015 dell’Enciclopedia Treccani (nata nel 1925) ha dedicato due pagine alle iniziative di Cortocircuito e ha nominato il coordinatore dell’associazione Elia Minari uno dei “10 personaggi dell’anno”.

 

Nel 2017 l’esperienza di Cortocircuito è confluita anche nel libro-inchiesta “Guardare la mafia negli occhi” (edito da Rizzoli), scritto dal coordinatore dell’associazione Elia Minari con la prefazione del procuratore nazionale antimafia. Il libro ha ricevuto il premio internazionale “Francese” a Palermo, il riconoscimento “Anita Garibaldi” dall’Ordine dei Giornalisti e dalla Fondazione Giuseppe Garibaldi, il premio “Vassallo” dedicato alla memoria del sindaco campano ucciso nel 2010 in un attentato di stampo mafioso.

Il libro-inchiesta è stato presentato anche in Germania, alla presenza di commissari della polizia criminale tedesca impegnati nel contrasto alla ‘ndrangheta. Inoltre lo spettacolo teatrale Dieci storie proprio così (2018), che ha debuttato a Napoli, contiene delle scene ispirate al libro. 

 

Nella foto: il premio ricevuto dal presidente del Senato

L’associazione Cortocircuito si impegna particolarmente nell’organizzazione di incontri antimafia e iniziative di informazione e sensibilizzazione sulla criminalità organizzata: dall’anno 2009 sono stati realizzati oltre 280 convegni e incontri pubbliciQueste iniziative si svolgono in particolare all’interno di auditorium, università, consigli comunali, teatri e sale civiche. Inoltre Cortocircuito organizza progetti e laboratori sulle mafie all’interno di scuole.

Tutte le informazioni aggiornate su Cortocircuito sono disponibili sul sito internet www.cortocircuito.re.it

.

http://www.reggiocontrolemafie.it/wp-content/themes/selecta