Progetto finanziato dal Comune di Reggio Emilia e dalla Regione Emilia-Romagna

Incontri, convegni e iniziative su legalità e giustizia con ospiti magistrati, giornalisti ed esperti. E’ possibile segnalare altri eventi scrivendoci all’indirizzo e-mail redazione@reggiocontrolemafie.it

Gli eventi sono pubblicati in ordine cronologico.

All’interno di questa sezione sono pubblicate solo le iniziative che si sono tenute nella provincia di Reggio Emilia. Per visualizzare informazioni e foto di iniziative che hanno avuto luogo in altre province, ma comunque collegate a Reggio Emilia, CLICCARE QUI.

Invece QUI è possibile visualizzare un elenco dei principali ospiti dell’associazione antimafia Cortocircuito, in collaborazione con “Reggio contro le mafie”.

Presso l’Aula Magna dell’Università di Modena e Reggio Emilia, nella sede di Reggio Emilia, è stato organizzato il convegno dal titolo “Criminalità, mafie e terrorismi: una sfida globale”.

Gli ospiti sono stati:

- Ignazio De Francisci, procuratore generale presso la Corte d’Appello di Bologna, sul tema “Espansione e radicamento delle mafie in aree non tradizionali”.

- Nicola Gratteri, procuratore capo presso il Tribunale di Catanzaro, sul tema “Si può fermare l’espansione globale delle mafie?”.

- Giorgia Spiri, sostituto procuratore presso il Tribunale di Palermo, sul tema: “Mafie transnazionali. L’associazione a delinquere finalizzata alla tratta di esseri umani”.

- Mario Conte, giudice presso la Corte d’Appello di Palermo, sul tema “Cresce il bisogno sociale di sicurezza. Bastano le norme che abbiamo?”.

Introduzione e conclusioni di: Antonio Nicaso, studioso e storico, docente alla Queen’s University, sul tema “Nuove priorità investigative nel contrasto alla criminalità globale”.

Ha condotto l’incontro: Elia Minari, coordinatore dell’associazione culturale antimafia Cortocircuito di Reggio Emilia.

Saluti iniziali di:
- Giammaria Manghi, presidente della Provincia di Reggio Emilia;
- Raffaele Ruberto, prefetto di Reggio Emilia;
- Luca Vecchi, sindaco di Reggio Emilia.

L’iniziativa, che si è tenuta è tenuta sabato 8 aprile 2017 dalle ore 10.00 di mattina, rientra all’interno della rassegna “Noi contro le mafie”, con la direzione scientifica del professore Antonio Nicaso e la cura educational della dott.ssa Rosa Frammartino. Ingresso gratuito.

Altre foto e informazioni su www.cortocircuito.re.it

 

Presso il teatro Metropolis di Bibbiano, in provincia di Reggio Emilia, è stato organizzato l’incontro pubblico dal titolo “Come la ‘ndrangheta è diventata classe dirigente”. Dialogo con:

- Nicola Gratteri, procuratore capo presso il Tribunale di Catanzaro;
- Antonio Nicaso, studioso e storico delle organizzazioni criminali, docente alla Queen’s University.

Saluti di: Andrea Carletti, sindaco di Bibbiano.

L’incontro è stato condotto da Elia Minari, coordinatore dell’associazione culturale antimafia Cortocircuito di Reggio Emilia. L’iniziativa, che si è tenuta è tenuto venerdì 7 aprile 2017 dalle ore 21.00, rientra all’interno della rassegna “Noi contro le mafie”, con la direzione scientifica del professore Antonio Nicaso e la cura educational della dott.ssa Rosa Frammartino. Ingresso gratuito.

Altre foto e informazioni su www.cortocircuito.re.it

 

Nella Sala del Tricolore di Reggio Emilia, sede del Consiglio Comunale, si è tenuto l’incontro dal titolo “Le mafie alla conquista dei giovani” con ospite il Presidente del Senato Pietro Grasso, già procuratore nazionale antimafia e già giudice del Maxi-processo di Palermo.
Iniziativa organizzata dall’associazione Cortocircuito, in collaborazione con il Comune, la Regione e la Provincia.

Temi degli interventi del presidente Grasso: “Il fascino dei modelli mafiosi sui giovani: dal mondo del lavoro al culto del successo”, “Il Maxi-processo di Palermo”, “Dagli anni ’90 ai giorni nostri: organizzazioni criminali, cambiamenti e nuove priorità”.

Allo stesso convegno era ospite anche la giornalista Maria Grazia Mazzola, inviata speciale della Rai e autrice di numerosi reportage sulla criminalità organizzata. E’ intervenuta per riflettere sui contenuti salienti del reportage “Cose Nostre”, incentrato sulle modalità con cui le mafie condizionano le giovani generazioni. Tale approfondimento televisivo è andato in onda all’interno di “Speciale Tg1″ su Rai 1.

Ha condotto l’incontro e ha realizzato quattro interventi sul tema del convegno: Elia Minari, coordinatore dell’associazione antimafia Cortocircuito di Reggio Emilia.

Saluti di:
- Luca Vecchi, sindaco di Reggio Emilia;
- Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna;
- Giammaria Manghi, presidente della Provincia di Reggio Emilia;
- Natalia Maramotti, assessora alla Sicurezza e cultura della legalità del Comune di Reggio Emilia.

L’iniziativa, a ingresso gratuito, si è tenuta venerdì 7 aprile 2017 dalle ore 10.00 di mattina.

Altre foto e informazioni su www.cortocircuito.re.it

Presso la sala del Consiglio del Comune di Cavriago (in provincia di Reggio Emilia), piazza Don Dossetti 1, è stato organizzato un incontro aperto alla cittadinanza, con ospiti:

- l’ex magistrato Gian Carlo Caselli, già procuratore capo di Palermo (subito dopo la morte di Falcone e Borsellino), autore del libro “Nient’altro che la verità. La mia vita per la giustizia, fra misteri, calunnie e impunità”.

- Giulio Cavalli, scrittore antimafia sotto scorta e attore teatrale, autore del libro “Nomi, cognomi e infami”;

- Elia Minari, coordinatore dell’associazione antimafia Cortocircuito, autore di inchieste sulle mafie in Emilia.

Ha condotto l’incontro: Pierluigi Senatore, caporedattore di Radio Bruno.

L’incontro, che si è tenuto domenica 19 marzo 2017 dalle ore 17, è stato organizzato dall’associazione giovanile “Cuariegh on the Road”, in collaborazione con l’associazione antimafia Cortocircuito e il Comune di Cavriago. Ingresso gratuito.

Altre foto e informazioni su www.cortocircuito.re.it

Venerdì 9 dicembre 2016 alle ore 21.00 nella Sala del Tricolore, sede del Consiglio Comunale di Reggio Emilia, si è tenuto l’incontro, aperto alla cittadinanza, dal titolo: “Nuovi meccanismi corruttivi e crisi della giustizia”. Ingresso gratuito.

E’ stato realizzato un dialogo-intervista con ospiti i magistrati:

- Piercamillo Davigo, presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, giudice della Corte suprema di Cassazione, già pm del pool “Mani Pulite”, autore del libro “Processo all’italiana”;

- Sebastiano Ardita, procuratore antimafia di Messina, già direttore dell’ufficio detenuti del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, autore del libro “Ricatto allo Stato”.

Introduzione di:
- Raffaele Ruberto, prefetto di Reggio Emilia che realizzerà un intervento sulla criminalità mafiosa a Reggio Emilia;
- Natalia Maramotti, assessora a Sicurezza e cultura della legalità del Comune di Reggio Emilia.

Ha condotto l’iniziativa: Elia Minari, coordinatore dell’associazione culturale antimafia Cortocircuito di Reggio Emilia.

Altre foto e informazioni su www.cortocircuito.re.it

100 ok rid

Sabato 17 dicembre 2016, alle ore 10.00 di mattina, si è tenuta l’iniziativa “Tribunale Bene Comune” presso il Tribunale di Reggio Emilia. L’incontro pubblico ha avuto luogo nell’aula bunker del maxi-processo “Aemilia”, dove si sta celebrando il più grande processo di mafia del Nord Italia.

Sono intervenuti:

- il procuratore capo di Reggio Emilia Giorgio Grandinetti;
- i giudici penali del maxi-processo “Aemilia” Andrea Rat e Cristina Beretti (presidente del Tribunale facente funzioni);
- il giudice civile Annamaria Casadonte;
- l’avvocato Giulio Terzi, presidente della Fondazione Giustizia;
- il presidente dell’Ordine degli avvocati di Reggio Emilia Franco Mazza;
- Natalia Maramotti, assessora alla Sicurezza e cultura della legalità del Comune di Reggio Emilia;
- Elia Minari, coordinatore dell’associazione antimafia Cortocircuito di Reggio Emilia;
- Giorgia Manzini dell’Ordine dei Notai;
- Leonardo Riccio dell’Ordine dei commercialisti e degli esperti contabili.

L’iniziativa è stata organizzata dal Comune di Reggio Emilia e dal Tribunale, insieme alla Regione Emilia-Romagna e alla Fondazione Giustizia, in collaborazione con l’associazione culturale antimafia Cortocircuito.

Teatralizzazione a cura di Laura Pazzaglia. L’iniziativa era aperta alla cittadinanza e hanno partecipato tra il pubblico anche gli studenti che hanno frequentato i laboratori sulla legalità organizzati dal Centro sociale Papa Giovanni XXIII in collaborazione con il “Centro di documentazione sulle mafie”.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

 

Sabato 16 aprile 2016, presso l’Auditorium Loris Malaguzzi di Reggio Emilia, si è tenuto il convegno dal titolo “Contro le mafie in Italia e in Europa: quali rischi e quali norme”. Erano presenti numerosi cittadini e studenti. E’ stato realizzato un dialogo con:

- Nino Di Matteo, procuratore antimafia di Palermo e pm del processo sulla trattativa Stato-mafia;
- Nicola Gratteri, procuratore aggiunto della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria;
- Mario Conte, giudice della Corte d’Appello di Palermo;
- Francesco Del Bene, magistrato della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo e pm del processo sulla trattativa Stato-mafia.

Ha condotto il convegno: Elia Minari, coordinatore dell’associazione antimafia Cortocircuito di Reggio Emilia.

Ha introdotto l’iniziativa: Antonio Nicaso, studioso e storico delle organizzazioni criminali.

Saluti di: Giammaria Manghi, presidente della Provincia di Reggio Emilia e Luca Vecchi, sindaco del Comune di Reggio Emilia.

Erano presenti tra il pubblico: il prefetto, il questore, il comandante dei carabinieri e il comandante della guardia di finanza di Reggio Emilia, oltre a numerosi sindaci e parlamentari.

1

2 Nicola Gratteri Elia Minari Nino Di Matteo Francesco Del Bene
4
3 Nicola Gratteri Elia Minari Nino Di Matteo

 

Martedì 12 aprile 2016 presso l’Aula Magna dell’Università di Modena e Reggio Emilia, nella sede di Reggio Emilia in viale Allegri, si è tenuto il convegno dal titolo “Una Costituzione da vivere e da praticare”. Dialogo con:

- Valerio Onida, presidente emerito della Corte Costituzionale, già presidente della Scuola Superiore della Magistratura;
- Marco Imperato, magistrato, coautore del libro “Dialoghi sulla Costituzione” (prefazione di Valerio Onida);
- Antonio Nicaso, studioso e storico delle organizzazioni criminali;
- Donatella Loprieno, costituzionalista dell’Università della Calabria;

Ha condotto l’incontro: Elia Minari, coordinatore dell’associazione antimafia Cortocircuito di Reggio Emilia.

Interventi di:

- Rita Bertozzi, docente di Sociologia dell’Educazione dell’Università di Modena e Reggio Emilia;
- Albertina Soliani, presidente dell’Istituto Cervi, in memoria dei sette fratelli Cervi.

Saluti di:
- Natalia Maramotti, assessora a Sicurezza e culturale della legalità del Comune di Reggio Emilia;
- Yuri Torri, segretario dell’Ufficio di Presidenza dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna;
- Chiara Morelli, Provincia di Reggio Emilia.

bValerio Onida Elia Minari

In occasione della giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, il 21 marzo 2016 a Reggio Emilia si terrà un corteo lungo le vie della città.

Programma:

9.30 – piazzale Marconi (davanti alla stazione)
Corteo con la delegazione dei familiari delle vittime delle mafie che risiedono in Emilia-Romagna e gonfaloni dei Comuni.

11.00 – piazza Prampolini
All’arrivo del corteo, saranno letti i nomi delle oltre 900 vittime innocenti delle mafie.

12.00
Intervento di don Luigi Ciotti (in diretta da Messina),

15.00
Incontro del Consiglio Comunale con i familiari delle vittime.

 

Nella Sala del Tricolore, sede del Consiglio Comunale di Reggio Emilia, si è tenuto il convegno dal titolo: “Contrastare nuove mafie e terrorismo”, con ospiti:

- Roberto Scarpinato, procuratore generale di Palermo, già magistrato del pool antimafia con Falcone e Borsellino, autore del libro “Il ritorno del principe”;

- Giancarlo Capaldo, procuratore aggiunto di Roma, responsabile del pool antiterrorismo, già coordinatore della Direzione Distrettuale Antimafia, autore del libro “Roma mafiosa”;

- Carlo Lucarelli, scrittore e giornalista Rai.

A condurre l’incontro, aperto alla cittadinanza, è stato Elia Minari, coordinatore di Cortocircuito, associazione culturale antimafia di Reggio Emilia.

Hanno introdotto l’iniziativa pubblica il sindaco Luca Vecchi e Natalia Maramotti, assessora a Sicurezza e Cultura della legalità del Comune di Reggio Emilia.

Il convegno, che si è tenuto il 4 dicembre 2015 alle ore 21.00, è stato organizzato dall’associazione Cortocircuito, in collaborazione con il Comune di Reggio Emilia e la Regione Emilia-Romagna. Serata sostenuta da: Provincia di Reggio Emilia, Libera Reggio Emilia, gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie” e “Alleanza reggiana per una società senza mafie”. L’iniziativa rientra all’interno del progetto “Reggio contro le mafie.it.  Ingresso gratuito.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

Roberto-Scarpinato-Elia-Minari-Giancarlo-Capaldo-nella-Sala-del-TricoloreNella-Sala-Tricolore-convegno-con-Roberto-Scarpinato-Elia-Minari-Giancarlo-Capaldo-e-Carlo-LucarelliRoberto-Scarpinato-Elia-Minari-Giancarlo-Capaldointroduce-sindaco-Luca-Vecchi-conduce-Elia-Minari

Sabato 5 dicembre 2015, alle ore 10.30, nell’auditorium del Centro Internazionale Loris Malaguzzi di Reggio Emilia, si è tenuto il convegno “Come contrastare le mafie invisibili”.

L’iniziativa, rivolta a studenti universitari e a studenti di otto scuole superiori di Reggio Emilia, ha avuto come relatori:

- Roberto Scarpinato, procuratore generale di Palermo, già magistrato del pool antimafia con Falcone e Borsellino, autore del libro “Il ritorno del principe”;

- Giancarlo Capaldo, procuratore aggiunto di Roma, responsabile del pool antiterrorismo, già coordinatore della Direzione Distrettuale Antimafia, autore del libro “Roma mafiosa”.

A condurre l’incontro è stato Elia Minari, coordinatore di Cortocircuito, associazione culturale antimafia di Reggio Emilia.

Hanno introdotto l’iniziativa Natalia Maramotti, assessora a Sicurezza e Cultura della legalità del Comune di Reggio Emilia e Giammaria Manghi, presidente della Provincia di Reggio Emilia. L’iniziativa rientra all’interno del progetto “Reggio contro le mafie.it.  Ingresso gratuito.

QUI le foto del convegno della sera precedente, con gli stessi ospiti, nella sala del Consiglio Comunale di Reggio Emilia.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

Auditorium-Malaguzzi-convegno-con-Giancarlo-Capaldo-Elia-Minari-Roberto-Scarpinato

Giammaria-Manghi-Giancarlo-Capaldo-Elia-Minari-Roberto-Scarpinato4-convegno-antimafia-presso-Auditorium-Malaguzzi

 

Venerdì 27 novembre 2015 alle ore 18.00 presso il teatro Gonzaga di Bagnolo in Piano, in provincia di Reggio Emilia, si è tenuto un incontro con il magistrato Nicola Gratteri, procuratore aggiunto della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria. E’ stato intervistato sul palco da Elia Minari, coordinatore di Cortocircuito, associazione culturale antimafia di Reggio Emilia. Ingresso gratuito.

L’intervista pubblica è stata preceduta dal conferimento della cittadinanza onoraria al procuratore Nicola Gratteri, “per il suo straordinario impegno nella lotta alla criminalità mafiosa e per la diffusione della cultura della legalità tra i giovani”.

Introduzione di:

- Paola Casali, sindaco di Bagnolo in Piano;
- Raffaele Ruberto, prefetto di Reggio Emilia;
- Giammaria Manghi, presidente della Provincia di Reggio Emilia;
- Massimo Mezzetti, assessore della Regione Emilia-Romagna alla Cultura e politiche per la legalità.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

21 ok3 ok

Nel corso della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, mercoledì 25 novembre 2015 dalle ore 18.00, si è tenuta la seguente iniziativa presso il Consiglio Comunale di Bibbiano, in provincia di Reggio Emilia.

“L’invisibile faccia della luna” di e con l’attrice Ada Roncone: monologo ispirato alla storia vera di una donna, testimone di giustizia in terra di ‘ndrangheta.

Sono intervenute:

- Paola Tognoni, assessora alle Pari Opportunità;
Francesca Montanari, presidente dell’associazione antimafia Cortocircuito e Cittadina Onoraria di Bibbiano.

Vi sono state anche brevi letture e riflessioni sul tema a cura di alcuni cittadini.

A seguire aperitivo in collaborazione con Auser Bibbiano.

QUI le foto del conferimento della cittadinanza onoraria all’associazione Cortocircuito.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

2-Francesca-Montanari-di-Cortocircuito

Presso l’arena del parco Cervi di Reggio Emilia sabato 26 settembre 2015, a partire dalle ore 9.15 di mattina, si è tenuto un incontro, aperto alla cittadinanza, insieme a:

- Giovanni Tizian, giornalista de “L’Espresso”;
- Marco Imperato, magistrato e autore del libro “Le parole della giustizia”;
- Gaetano Alessi, co-autore del Dossier “Le mafie in Emilia Romagna”;
- Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale Legambiente;
- Fiorella Ferrarini, vicepresidente Anpi Reggio Emilia;
- Elia Minari e Francesca Montanari, associazione Cortocircuito, autori di inchieste sulle mafie in Emilia;
- Nadia Monti, referente regionale “Avviso Pubblico” Emilia-Romagna;
- Cinzia Franchini, imprenditrice e presidentessa nazionale CNA-Fita;
- Federico Lacche, Libera Radio;
- Caterina Lusuardi, Colore – cittadini contro le mafie, che animerà la mattinata.

Erano presenti tra il pubblico: il presidente della provincia e i sindaci di Reggio Emilia, Quattro Castella, Rubiera, Scandiano, Sant’Ilario d’Enza.

L’iniziativa è stata organizzata da Libera Emilia-Romagna, associazione Cortocircuito, movimento Agende Rosse di Salvatore Borsellino, associazione Colore.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

1-ok2-incontro-sullinchiesta-Aemilia

 

Venerdì 18 settembre 2015 alle ore 21.00 al teatro Bismantova di Castelnovo Monti, in provincia di Reggio Emilia, si è tenuta una serata incentrata su una serie di storie ed esempi di cittadinanza. Ingresso gratuito.

«L’obbiettivo dell’incontro, aperto alla cittadinanza, è offrire un’analisi della situazione sulle mafie, che anche in territorio emiliano fornisce elementi di preoccupazione, come hanno mostrato le recenti inchieste della magistratura, ma la serata vuole anche proporre testimonianze di chi, trovatosi a diretto contatto con fenomeni malavitosi, ha avuto il coraggio e la forza di reagire, senza fare calcoli. Testimonianze che meritano tutta la nostra attenzione e ammirazione», ha dichiarato il sindaco Enrico Bini di Castelnovo Monti.

Gli ospiti dell’incontro sono stati:

- Dario Vassallo, presidente della Fondazione intitolata ad Angelo Vassallo, il sindaco di Pollica (Salerno) assassinato nel 2010 in un agguato di matrice camorrista. E’ autore del libro “Il sindaco pescatore” (Mondadori) che narra la storia del fratello.

- Elia Minari, coordinatore di Cortocircuito, associazione culturale antimafia di Reggio Emilia. E’ intervenuto anche Alessandro Fontanesi di Cortocircuito.

- Sabrina Pignedoli, giornalista del Resto del Carlino minacciata per le sue inchieste sulle famiglie vicine alla ‘ndrangheta.

- Laura Caputo, autrice dei romanzi-inchiesta sulla Camorra “Il castello di San Michele” e “Il silenzio dell’Arcangelo”.

Durante la serata sono state proiettate tre video-inchieste realizzate da Cortocircuito. Iniziativa organizzata dal Comune di Castelnovo né Monti, in collaborazione con l’associazione Cortocircuito.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

1-castelnovo monti
2-castelnovo

Venerdì 17 luglio 2015, alla sera, nel parco Pianella di Cavriago (provincia di Reggio Emilia) incontro aperto alla cittadinanza con ospiti:

- Mario Conte, giudice di Palermo e autore del libro “I dieci passi”. Ha emesso la sentenza della Corte d’Appello a carico del senatore Marcello Dell’Utri e la sentenza “Addiopizzo quater”.

- Elia Minari, coordinatore di Cortocircuito, associazione culturale antimafia di Reggio Emilia.

- Enrico Bini, imprenditore che ha denunciato le infiltrazioni mafiose, ex presidente della Camera di Commercio di Reggio Emilia e attuale sindaco di Castelnovo né Monti. Grazie alle denunce di Bini, iniziate quando lavorava nel cantiere reggiano della Tav, i Carabinieri, in collaborazione con la magistratura, hanno arrestato 13 persone considerate vicine alla ‘ndrangheta.

Nel corso dell’incontro pubblico il giudice Mario Conte ha detto: «Grazie a Elia e alle inchieste di tutti i ragazzi di Cortocircuito oggi in Emilia l’attenzione sulle mafie è più alta. Devo fare sinceramente i complimenti. Credo che i filmati di Cortocircuito siano profondamente istruttivi: spiegano benissimo gli effetti devastanti che la cultura mafiosa può ingenerare nella società. Dovete essere felici e orgogliosi che in una terra come questa ci siano i giovani di Cortocircuito».

Durante l’iniziativa è stata proiettata la video-inchiesta “La ‘ndrangheta di casa nostra”, realizzata dall’associazione Cortocircuito. L’incontro è stato organizzato da Luca Brami e dallo staff della festa dell’Unità di Cavriago, in collaborazione con Cortocircuito.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

giudice Mario Conteconte

Venerdì 12 giugno 2015, alle ore 20.45, presso la sala della parrocchia di San Bartolomeo a Reggio Emilia, si è tenuto un incontro aperto alla cittadinanza dal titolo “Paolo Borsellino, troviamolo dentro di noi”, con ospiti:

Salvatore Borsellino, fratello del magistrato ucciso da Cosa Nostra e autore del libro “Fino all’ultimo giorno della mia vita”.

Manuel Masini, coordinatore provinciale di Libera.

Elia Minari, coordinatore di Cortocircuito, associazione culturale antimafia di Reggio Emilia.

Enrico Bini, imprenditore che ha denunciato le infiltrazioni mafiose, ex presidente della Camera di Commercio di Reggio Emilia e attuale sindaco di Castelnovo né Monti. Grazie alle denunce di Bini, iniziate quando lavorava nel cantiere reggiano della Tav, i Carabinieri, in collaborazione con la magistratura, hanno arrestato 13 persone considerate vicine alla ‘ndrangheta.

Introduzione di Don Eugenio Morlini.

L’iniziativa è stata organizzata e coordinata dal movimento “Agende Rosse – Rita Atria”. Salvatore Borsellino è leader del “movimento delle Agende Rosse”, che fa riferimento al taccuino misteriosamente scomparso su cui Paolo Borsellino scriveva appunti personali, supposizioni e dichiarazioni di collaboratori di giustizia. Borsellino, dalla morte del fratello, si è distinto per il suo impegno nella ricerca della verità sui mandanti delle stragi di mafia del 1992.

All’inizio della serata sono stati proiettati i tre cortometraggi vincitori del concorso “Segni di Riscatto“, promosso dall’associazione Colore, in collaborazione con Cortocircuito e Libera. Si tratta di un concorso video, nato per ricordare Mara Marmiroli, a cui hanno partecipato ragazze e ragazzi dai 16 ai 20 anni. Ha condotto: Rita Bertozzi.

Inoltre QUI le foto della consegna, prima dell’incontro pubblico, del premio “Resistenza” all’associazione Cortocircuito.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

Borsellinoincontro Cortocircuito con Borsellino

Elia-Minari-premiato-da-Salvatore-Borsellino

Cliccare sulla locandina per allargarla

11 giugno sala tricolore okok

Sabato 18 aprile 2015 a Bibbiano (RE), presso il teatro Metropolis, il sindaco Andrea Carletti ha conferito, a nome dell’intero Consiglio Comunale, la cittadinanza onoraria all’associazione culturale antimafia Cortocircuito di Reggio Emilia.

Il sindaco di Bibbiano Andrea Carletti ha dichiarato: “Intendiamo conferire la cittadinanza onoraria all’associazione Cortocircuito, per la grande determinazione nel portare avanti inchieste coraggiose e necessarie. Lo facciamo perché condividiamo le battaglie di questi giovani ragazzi, che rappresentano la parte migliore e il futuro di questo Paese”.

La pergamena della cittadinanza è stata consegnata nelle mani di Elia Minari, coordinatore di Cortocircuito, alla presenza del presidente della Provincia Giammaria Manghi e della vice-presidente dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna Ottavia Soncini.

Dopo la consegna della cittadinanza all’associazione Cortocircuito, il procuratore aggiunto della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria Nicola Gratteri e lo studioso di mafie Antonio Nicaso sono stati intervistati, sul loro nuovo libro “Oro bianco”, da Elia Minari, coordinatore di Cortocircuito.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

Bibbiano 2incontro Bibbianobibbiano 3

E’ possibile consultare il programma completo del festival cliccando QUI.

 

festival contro le mafie logo ok

E’ possibile consultare il programma completo della rassegna cliccando QUI.

 

rassegna legalita reggio emilia logo ok

Martedì 10 marzo 2015 alle ore 20.45, iniziativa aperta alla cittadinanza, al Teatro del Fiume di Boretto (RE), in via Roma n°31. Ingresso gratuito.

Incontro con:

- Luca Ponzi, giornalista RAI
- Elia Minari, coordinatore di Cortocircuito, associazione culturale antimafia di Reggio Emilia
- Manuel Masini, coordinatore di Libera Reggio Emilia
- Massimo Mezzetti, assessore della Regione Emilia-Romagna alla Cultura e politiche per la legalità
- Guido Mora, segretario generale CGIL Reggio Emilia

Introduzione di Wilmer Farri, assessore del Comune di Boretto. Iniziativa organizzata dalla CGIL in collaborazione con il Comune di Boretto.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

incontro teatro Boretto

Sabato 17 gennaio 2015 assemblea dell’Associazione Nazionale Magistrati nell’Aula della Corte d’Assise del Tribunale di Reggio Emilia.

Sono intervenuti diversi magistrati, tra cui il procuratore capo Giorgio Grandinetti e il presidente del Tribunale Francesco Maria Caruso, oltre ad altri magistrati e rappresentanti della società civile. Erano presenti anche il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi e il presidente della Provincia Giammaria Manghi.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

Assemblea-Associazione-Nazionale-Magistrati-a-Reggio-Emilia 1Il-procuratore-Giorgio-Grandinetti 2

Appalti okVenerdì 12 dicembre 2014 convegno dal titolo: “Appalti a Reggio Emilia: tra legalità e burocrazia”, organizzato dall’Alleanza reggiana per una società senza mafie. La locandina dell’evento QUI.

Pubblichiamo le slides di alcuni interventi della tavola rotonda. Cliccare sui nomi per visualizzare il contenuto:

Alessandro Millo

Paolo Villa

Gabriele Arveda

Davide Ferrari

Michele Pisani

Lo staff

Venerdì 5 dicembre 2014 alle ore 19.00 dentro il castello Bianello di Quattro Castella (RE) incontro su economia e mafie:

- Saluto del sindaco Andrea Tagliavini e dell’assessore Maria Elena Manzini.

- Intervento di apertura di Elia Minari, coordinatore di Cortocircuito, associazione culturale antimafia di Reggio Emilia.

Tavola rotonda con:
Davide Pati, responsabile nazionale dei beni confiscati alle mafie per Libera
Simone Bettini, presidente Confindustria Firenze
Mauro Severi, presidente Confindustria Reggio Emilia
Fabio Bezzi, direttore CNA Reggio Emilia

Erano presenti tra il pubblico: Isabella Fusiello, questore di Reggio Emilia, Paolo Zito, comandante provinciale dei Carabinieri e Adriana Cogode, prefetto vicario di Reggio Emilia.

Evento organizzato dal Comune di Quattro Castella.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

quattro castella 2
quattro castella 1

Sabato 29 novembre 2014 al teatro Asioli di Correggio, in provincia di Reggio Emilia, si è tenuto un partecipato incontro, aperto alla cittadinanza, con ospiti:

Nicola Gratteri, procuratore aggiunto della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria,

Antonio Nicaso, studioso e storico delle organizzazioni criminali, autore insieme al procuratore Gratteri di numerosi libri sulla ‘ndrangheta, tra cui l’ultima opera dal titolo “Acqua santissima”.

Ha condotto l’incontro: Elia Minari, coordinatore di Cortocircuito, associazione culturale antimafia di Reggio Emilia.

Introduzione di: Ilenia Malavasi, sindaco di Correggio.

Durante l’evento l’attore Andrea Gherpelli ha letto un brano del libro “Acqua santissima”.

Iniziativa nata dalla collaborazione tra il Comune di Correggio, Cortocircuito web-tv, Caracò Editore e il gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”. Cura scientifica della dott.ssa Rosa Frammartino. Ingresso gratuito.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

gratteri 1gratteri e nicaso 2

Dopo la proiezione all’interno del Municipio di Bologna, la video-inchiesta “La ‘Ndrangheta di casa nostra. Radici in terra emiliana”, realizzata dalla web-tv Cortocircuito, è stata proiettata mercoledì 12 novembre 2014 all’inizio di un convegno nazionale della CGIL, dal titolo “Legalità, una svolta per tutte“, alla “Casa Museo Cervi” di Gattatico (RE).

Il cortometraggio è stato introdotto dalle parole di Andrea Franzoni e Andrea Mafrica della redazione di Cortocircuito.

E’ stato ospite dell’iniziativa Giuseppe Ayala, Pm del Maxiprocesso di Palermo ed ex sostituto procuratore; attualmente è in pensione e ricopre l’incarico di presidente dell’Osservatorio nazionale “Edilizia & Legalita” di Fillea-Cgil.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

proiezione

Venerdì 7 novembre 2014 incontro con i magistrati Gian Carlo Caselli, già procuratore capo di Palermo e Armando Spataro, procuratore capo di Torino. L’iniziativa si è tenuta in una gremita Sala del Tricolore a Reggio Emilia.

A condurre l’incontro, nella sala del Consiglio Comunale di Reggio Emilia, è stato Elia Minari, coordinatore di Cortocircuito, associazione culturale antimafia di Reggio Emilia.

Hanno introdotto l’iniziativa pubblica il sindaco Luca Vecchi e Natalia Maramotti, assessora a Sicurezza e Cultura della legalità del Comune di Reggio Emilia.

Evento organizzato da Cortocircuito, in collaborazione con il Comune di Reggio Emilia, la Regione Emilia-Romagna e il gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”. Serata sostenuta dalla Provincia di Reggio Emilia, Libera Reggio Emilia e ”Alleanza reggiana per una società senza mafie”. L’iniziativa rientra all’interno del progetto “Reggio contro le mafie.it”.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

1234

Una Sala del Tricolore gremita, dentro e fuori. Infatti, una volta raggiunta la capienza massima di 350 persone, tanti cittadini purtroppo sono dovuti rimanere fuori.

Il 3 ottobre 2014 erano ospiti della serata il magistrato Franco Roberti, Procuratore Nazionale Antimafia e Giuseppe Gennari, giudice del Tribunale di Milano e autore del libro “Le fondamenta della città”.

A condurre l’incontro, nella sala del Consiglio Comunale di Reggio Emilia, è stato Elia Minari, coordinatore di Cortocircuito, associazione culturale antimafia di Reggio Emilia.

Hanno introdotto l’iniziativa pubblica il sindaco Luca Vecchi e Natalia Maramotti, assessora a Sicurezza e Cultura della legalità del Comune di Reggio Emilia.

Tra il pubblico erano presenti le massime autorità della città di Reggio Emilia: il Presidente del Tribunale, il Procuratore capo, il Questore, il Prefetto vicario, il Comandante dei Carabinieri, ilComandante della Guardia di Finanza, il Presidente della Camera di Commercio, la Presidente della Provincia. Oltre a tanti sindaci, deputati, assessori, consiglieri comunali e provinciali, di tutti i partiti politici.

Alcuni articoli su quanto detto durante l’iniziativa: la Gazzetta di Reggio (clicca QUI), Il Fatto Quotidiano (clicca QUI), Reggionline (clicca QUI).

Evento organizzato da Cortocircuito, in collaborazione con il Comune di Reggio Emilia, la Regione Emilia-Romagna e il gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”. Serata sostenuta dalla Provincia di Reggio Emilia, Libera Reggio Emilia e ”Alleanza reggiana per una società senza mafie”. L’iniziativa rientra all’interno del progetto “Reggio contro le mafie.it”.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

12345

Giovedì 18 settembre 2014 alle ore 21.00, nella sala civica “Incontro” del Teatro “Fabrizio De Andrè” di Casalgrande (Reggio Emilia), è stata proiettata in anteprima la nuova video-inchiesta della web-tv Cortocircuito, dal titolo: “La ‘Ndrangheta di casa nostra. Radici in terra emiliana”.

Durante la serata, dal titolo “Le mafie di casa nostra”, sono intervenuti: Francesco Maria Caruso, Presidente del Tribunale di Reggio Emilia, Isabella Fusiello, Questore di Reggio Emilia, colonnello Paolo Zito, Comandante provinciale dei Carabinieri.

Ha condotto il dibattito e la presentazione Elia Minari, coordinatore di Cortocircuito, associazione culturale antimafia di Reggio Emilia.

Saluti iniziali di: Alberto Vaccari, sindaco di Casalgrande e del vice-sindaco Marco Cassinadri.

Vedere QUI la video-inchiesta.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

78

Piazza gremita di gente venerdì 4 luglio 2014 alla sera a Bibbiano (RE) per l’incontro, aperto alla cittadinanza, con ospite il giudice Guarnotta.

Leonardo Guarnotta è il presidente del Tribunale di Palermo, giudice della sentenza di primo grado a carico di Marcello Dell’Utri e già magistrato del pool antimafia con Falcone e Borsellino.

Ha partecipato all’iniziativa anche I.M.D., già poliziotto della sezione “Catturandi” della Questura di Palermo; non può svelare il proprio nome e il proprio volto per motivi di sicurezza.

Saluti iniziali del sindaco di Bibbiano Andrea Carletti.

Ha condotto l’incontro Elia Minari, coordinatore di Cortocircuito, associazione culturale antimafia di Reggio Emilia.

Prima dell’incontro è stato possibile per tutti cenare in piazza Damiano Chiesa con il menù della legalità. Evento nato dalla collaborazione tra il Comune di Bibbiano, Auser, Arci, Camelot e Cortocircuito. Cura scientifica della dott.ssa Rosa Frammartino.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

Incontro con il giudice Guarnotta 1andrea carletti sindacoincontro-antimafia-a-Bibbiano-2

Domenica 22 giugno 2014 alle ore 18.00 al Parco dei Popoli di Castellarano (RE), incontro con Enrico Bini, imprenditore che ha denunciato la criminalità organizzata a Reggio Emilia (e neo sindaco di Castelnovo Monti).

Grazie alle denunce di Bini, iniziate quando lavorava nel cantiere reggiano della Tav, i Carabinieri, in collaborazione con la magistratura, hanno recentemente arrestato 13 persone considerate vicine alla ‘ndrangheta.

Hanno preso parte all’iniziativa anche Michele Vocino di Libera e Giuseppe Pugliese di “SOS Rosarno”, il cui padre è stato ucciso dalla ‘ndrangheta. Il consiglio comunale di Rosarno nel 1992 e nel 2008 è stato sciolto per infiltrazioni mafiose.

Ha coondotto l’incontro Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv indipendente di Reggio Emilia.

Introduzione del professore Giuseppe Casali, presidente del “Centro studi storici castellaranese” e di Paolo Magnani, assessore alle Politiche Sociali del Comune di Castellarano.

Organizzazione del “Centro studi storici castellaranese”, in collaborazione con il Comune di Castellarano.

incontro-antimafia-a-Castellarano 1incontro-antimafia-a-Castellarano-2

Sala piena per l’incontro antimafia, aperto alla cittadinanza, venerdì 9 maggio 2014 alle ore 21 a Castelnovo nè Monti, sull’appennino Reggiano. L’iniziativa si è tenuta al Centro culturale “Il Formicaio”.

Alla serata, condotta da Adriano Arati della Gazzetta di Reggio, hanno partecipato: Giulia Di Girolamo della rete NoName di Bologna e autrice, insieme ad Alessandro Gallo, del libro “Non diamoci pace”; Riccardo Versari e Lisa Liastro del presidio di Libera “Giangiacomo Ciaccio Montalto”; Elia Minari e Francesca Montanari della redazione di Cortocircuito, web-tv indipendente di Reggio Emilia.

L’iniziativa è stata organizzata dal Comune di Castelnovo nè Monti (RE) e dal progetto “Sulla strada di un’idea”.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

incontro-antimafia-Castelnovo-Monti

Nella sera prima della Festa della Liberazione, Salvatore Borsellino è stato ospite di un incontro antimafia, aperto alla cittadinanza, nella Sala del Tricolore, sede del Consiglio Comunale di Reggio Emilia.

Alle ore 20.45 di giovedì 24 aprile è iniziata la serata con Salvatore Borsellino, fratello del magistrato ucciso il 19 luglio 1992 nella strage di via D’Amelio e autore del libro “Fino all’ultimo giorno della mia vita”.

E’ stata un’iniziativa incentrata su due forme diverse, ma parallele, di resistenza: quella antimafia e quella antifascista. 

L’incontro è stato coordinato da Elia Minari.

Hanno posto domande a Borsellino anche Francesca Montanari, Alice Portal, Andrea Franzoni e Alessandro Fontanesi della redazione di Cortocircuito, web-tv indipendente di Reggio Emilia. Saluti iniziali di Natalia Maramotti, assessore del Comune di Reggio Emilia.

Si tratta del settimo evento nella Sala del Tricolore all’interno del progetto “Reggio contro le mafie.it”, promosso da Cortocircuito insieme al Comune di Reggio Emilia e alla Regione Emilia-Romagna.

Salvatore Borsellino è anche leader del “movimento delle Agende Rosse”, che fa riferimento al taccuino misteriosamente scomparso su cui Paolo Borsellino scriveva appunti personali, supposizioni e dichiarazioni di collaboratori di giustizia. Borsellino, dalla morte del fratello, si è distinto per il suo impegno nella ricerca della verità sui mandanti delle stragi di mafia del 1992.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

salvatore borsellino 1salvatore borsellino 2sala del tricolore 3

E’ stato un incontro blindato, per comprensibili questioni di sicurezza legate alle minacce di morte indirizzate al magistrato Nino Di Matteo direttamente da Totò Riina. All’ingresso il pubblico è stato sottoposto a rigidi controlli con il metal detector.

Sabato 5 aprile 2014 alle ore 16.00 presso il museo “Alcide Cervi” di Gattatico, in provincia di Reggio Emilia, si è tenuto l’incontro “Costruire la legalità, difendere la democrazia” con:

- Nino Di Matteo, pm del processo sulla trattativa Stato-mafia e autore del libro “Assedio alla toga. Un magistrato tra mafia, politica e Stato”

- Nicola Gratteri, procuratore aggiunto della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria

- Antonio Nicaso, studioso delle organizzazioni criminali, autore insieme a Gratteri del libro “Acqua santissima”

Hanno condotto l’iniziativa Elia Minari, coordinatore della redazione della web-tv Cortocircuito ed Enrica Majo, inviata speciale del Tg1. Saluti iniziali di: Rosella Cantoni, presidente Istituto Cervi, Fiorella Ferrarini, vice-presidente provinciale ANPI, Sonia Masini, presidente della Provincia di Reggio Emilia.

Durante l’incontro l’attore Andrea Gherpelli ha letto alcuni estratti dei libri dei magistrati presenti.

L’evento rientra all’interno del festival “Noi contro le mafie”, promosso dalla Provincia di Reggio Emilia con la direzione scientifica del professore Antonio Nicaso e la cura educational della dott.ssa Rosa Frammartino.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

Di Matteo 1Di Matteo 2Di Matteo 3pubblico Di Matteo 4

Giovedì 3 aprile 2014 alle ore 21 presso il cinema-teatro Excelsior di Rubiera, in provincia di Reggio Emilia, incontro con I.M.D.poliziotto della sezione Catturandi della Squadra mobile di Palermo e con Ginevra Antona, interprete del ruolo di “Flora” nel film “La mafia uccide solo d’estate”.

I.M.D. nei suoi libri “Catturandi” e “Vurricatore” racconta la caccia ai più pericolosi latitanti di Cosa nostra. Appostamenti, pedinamenti, controllo del territorio, intercettazioni ambientali e telefoniche. Attività che richiedono fiuto, attenzione, cautela, abilità e coraggio. L’autore, che non può svelare il proprio nome e il proprio volto per motivi di sicurezza, racconta dal di dentro quali sono gli strumenti a disposizione di chi svolge sul campo la lotta alla mafia per la cattura dei criminali in fuga.

Ha condotto l’iniziativa Elia Minari, coordinatore della redazione della web-tv Cortocircuito. Saluti iniziali di: Emanuele Cavallaro, vicesindaco del Comune di Rubiera.

L’evento rientra all’interno del festival “Noi contro le mafie”, promosso dalla Provincia di Reggio Emilia con la direzione scientifica del professore Antonio Nicaso e la cura educational della dott.ssa Rosa Frammartino.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

Imd 1imd 2

Giovedì 3 aprile 2014 presso il cinema-teatro Cristallo di Reggio Emilia incontro con Annalori Ambrosoli, vedova di Giorgio Ambrosoli, ucciso a milano l’11 luglio 1979.

Insieme a lei c’era anche Paolo Bertaccini Bonoli, coordinatore del “Premio Giorgio Ambrosoli” e rappresentate italiano di “Transparency International”, organizzazione internazionale non governativa che si occupa della corruzione.

All’inizio dell’incontro è stata proiettata un parte del film “Un eroe borghese”, tratto dal libro omonimo di Corrado Stajano sulla vicenda di Giorgio Ambrosoli.

Ha condotto l’iniziativa Elia Minari, coordinatore della redazione della web-tv Cortocircuito.

Nel 1974 l’avvocato Giorgio Ambrosoli viene nominato capo liquidatore della Banca Privata Italiana, di proprietà del finanziere Michele Sindona. Le sue ricerche lo portano a scoprire una fitta rete di relazioni che legano Sindona ad importanti esponenti politici, alla mafia e al Vaticano.

Saluti iniziali di: Ilenia Malavasi, assessore all’Istruzione della Provincia di Reggio Emilia.

L’evento rientra all’interno del festival “Noi contro le mafie”, promosso dalla Provincia di Reggio Emilia con la direzione scientifica del professore Antonio Nicaso e la cura educational della dott.ssa Rosa Frammartino.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

vedova Ambrosoli 1vedova Ambrosoli 2vedova Ambrosoli 3

Mercoledì 2 aprile 2014 alle ore 10.30 presso l’Aula Magna “Manodori” dell’Università di Reggio Emilia, si è tenuto il convegno “Esperienze e saperi contro le mafie“.

Introduzione di Antonio Nicaso, studioso delle organizzazioni criminali e direttore scientifico del festival “Noi contro le mafie”. Ha condotto l’incontro Arcangelo Badolati, caposervizio della Gazzetta del Sud.

Interventi:

Nuove e vecchie resistenze
Fiorella Ferrarini, vice-presidente ANPI Reggio Emilia

La mafia nega le libertà democratiche e la Costituzione
Donatella Loprieno, costituzionalista, Università della Calabria

Il giornalismo d’inchiesta dal basso
Elia Minari, coordinatore della redazione della web-tv Cortocircuito

Contro le Pedagogie complici del silenzio
Giancarlo Costabile, docente Università della Calabria

Legalità e memoria: valori che si incontrano
Stefano Aicardi, docente

Conclusioni di: Sonia Masini, presidente della Provincia di Reggio Emilia. Saluti iniziali di: Dino Giovannini, professore ordinario di Psicologia sociale e di Ilenia Malavasi, assessore all’Istruzione della Provincia di Reggio Emilia.

L’evento rientra all’interno del festival “Noi contro le mafie”, promosso dalla Provincia di Reggio Emilia con la direzione scientifica del professore Antonio Nicaso e la cura educational della dott.ssa Rosa Frammartino.

convegno mafie aula magna università 1convegno mafie aula magna università 2

Sabato 22 marzo 2014 al teatro “Vittoria” di Viadana, in provincia di Mantova, convegno sulle mafie nel Nord Italia con il magistrato Marco Imperato, autore del libro “Le parole della giustizia”, ed Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv indipendente.

Introduzione dell’assessore Nicola Federici del Comune di Viadana.

Il paese del Mantovano è stato recentemente scosso dalla pubblicazione di un’intercettazione telefonica in cui una persona legata alla criminalità organizzata afferma: “Viadana è nostra“, facendo riferimento anche a un assessore comunale che poi si è dimesso. Ma già nel 1992, come dimostrano alcuni articoli dell’epoca, vi furono gravi episodi di mafia a Viadana.

Viadana 1Viadana 2

Venerdì 21 marzo 2014 la “Rassegna della Legalità” è iniziata nella Sala del Tricolore, sede del Consiglio Comunale di Reggio Emilia, con la partecipazione del prefetto di Reggio Emilia Antonella De Miro.

Saluti iniziali di Ugo Ferrari, sindaco vicario del Comune di Reggio Emilia e di Ilenia Malavasi, assessore all’Istruzione della Provincia di Reggio Emilia.

Ha condotto Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv indipendente.

A seguire: spettacolo teatrale “Fatto di persone. CineRaccontiamo la legalità” con Domenico Ammendola e Lorenzo Baldini; presentazione dei progetti di educazione alla legalità e alla cultura antimafia delle scuole di Reggio Emilia. Con Marco Battini, associazione Papa Giovanni XXIII. Conclusioni di: Barbara Ferrari e Dino Giovannini, docenti di Psicologia dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia.

Nel pomeriggio in piazza Prampolini “Suoni, colori e parole della legalità: informazione e laboratori creativi, a cielo aperto e a testa alta”. Sono stati proiettati, a ciclo continuo, dei cortometraggi della web-tv Cortocircuito e ci sono stati dei laboratori artistici in cui sono stati pitturati i “lenzuoli della legalità”, a cura dell’associazione Papa Giovanni XXIII e associazione Giro del Cielo. Erano presenti in piazza punti informazione del negozio “Etico”, che vende i prodotti dei terreni confiscati alle mafie, e di “Lilt – Luoghi di Prevenzione”.

La “Rassegna della legalità” è stata organizzata da: Comune di Reggio Emilia, Regione-Emilia-Romagna, Libera, associazione Papa Giovanni XXIII e Cortocircuito web-tv.

Alla sera Libera ha organizzato un corteo antimafia lungo le video del centro storico.

21 marzo 2014 Sala del Tricolore 121 marzo 2014 Sala del Tricolore 2.jpg.jpg21 marzo 2014 Sala del Tricolore 321 marzo 2014 Sala del Tricolore 421 marzo 2014 Sala del Tricolore 5

Convegno “Ambiente e cibo. Tra antiche scorie e nuovi veleni” con ospiti:

- Generale Giuseppe Giove, comandante del Corpo Forestale dello Stato dell’Emilia-Romagna

Gianluca Giuli, ministero Politiche Agricole, dipartimento “Ispettorato centrale tutela della qualità e repressione delle frodi dei prodotti agroalimentari”

- Luca Ponzi, giornalista della Rai, coautore del libro “Cibo criminale. Il nuovo business della mafia italiana”

L’iniziativa si è tenuta sabato 15 marzo 2014 presso l’aula 3 dell’Università di Reggio Emilia.

Ha coordinato l’incontro: Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv indipendente.

In collaborazione con la Provincia di Reggio Emilia. Cura scientifica della dott.ssa Rosa Frammartino, con la collaborazione di Ilenia Malavasi, assessore all’Istruzione della Provincia di Reggio Emilia.

Introduzione all’evento di Roberta Rivi, assessore all’Agricoltura della Provincia di Reggio Emilia, e della Prof. Patrizia Fava, dipartimento Scienze della Vita dell’Università di Modena e Reggio.

Conclusioni di Pinuccia Montanari, direttore tecnico della Biblioteca dell’Università di Modena e Reggio Emilia e responsabile del progetto “Sostenibilità ambientale”.

ecomafie 1ecomafie 2

Il giornalista de L’Espresso Fabrizio Gatti, autore del libro “Gli anni della peste”, è stato il protagonista di un incontro teatrale al circolo “Catomes Tot” di Reggio Emilia sabato 1° marzo 2014 alle ore 21. Incontro organizzato da Libera.

fabrizio gatti 1incontro con fabrizio gatti 2

Incontro “Cibo e contraffazione”, con Enrica Majo, giornalista Rai e autrice dello speciale del Tg1 “Il falso Made in Italy”.

L’iniziativa si è tenuta mercoledì 26 febbraio 2014 presso l’aula 3 dell’Università di Reggio Emilia.

Ha coordinato l’incontro: Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv indipendente.

In collaborazione con la Provincia di Reggio Emilia. Cura scientifica della dott.ssa Rosa Frammartino, con la collaborazione della Dott.ssa Pinuccia Montanari.

Introduzione all’evento di Ilenia Malavasi, assessore all’Istruzione della Provincia di Reggio Emilia, e della Prof. Patrizia Fava, dipartimento Scienze della Vita dell’Università di Modena e Reggio.

Enrica Majo 10majo 2

Venerdì 21 febbraio 2014 alle ore 10.00 nell’Aula Magna “Barozzi” a Modena, convegno sulla criminalità organizzata in Emilia, con il magistrato Vito Zincani, procuratore capo di Modena, Elia Minari della web-tv Cortocircuito e Rebecca Righi di Libera.

Organizzazione della professoressa Mara Fonti.

zincani procuratorezincani procuratore 2

Incontro “Patto criminale sul corpo delle donne”, con Arcangelo Badolati, caposervizio del quotidiano “Gazzetta del Sud” e autore di “Banditi e schiave. I femminicidi”.

L’iniziativa si è tenuta giovedì 13 febbraio 2014 presso l’Aula CEA dell’Università di Reggio Emilia.

Ha coordinato l’incontro: Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv indipendente.

In collaborazione con la Provincia di Reggio Emilia. Cura scientifica della dott.ssa Rosa Frammartino, con la collaborazione della Dott.ssa Pinuccia Montanari.

Introduzione all’evento di Ilenia Malavasi, assessore all’Istruzione della Provincia di Reggio Emilia, e del Prof. Dino Giovannini, direttore scientifico della biblioteca universitaria di Reggio.

Arcangelo Badolati 1

Giovedì 6 febbraio 2014 incontro con Giulio Cavalli, autore e attore teatrale di Lodi finito sotto scorta perché nei suoi spettacoli fa nomi e cognomi degli uomini della ‘ndrangheta che operano in Lombardia. Si tratta del primo “intellettuale” finito sotto scorta nel nord Italia.

L’altro ospite dell’incontro (a sinistra nelle foto) è stato Alessandro Gallo, scrittore e attore antimafia di origine napoletana con una storia famigliare di Camorra.

Ha coordinato l’incontro: Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia.

In collaborazione con la Provincia di Reggio Emilia. Cura scientifica della dott.ssa Rosa Frammartino.

Introduzione di Ilenia Malavasi, assessore all’Istruzione della Provincia di Reggio Emilia.

Giulio-Cavalli 1

Mercoledì 5 febbraio 2014, presso il teatro “Franco Tagliavini” di Novellara (RE), incontro con Giulio Cavalli, autore e attore teatrale di Lodi finito sotto scorta perché nei suoi spettacoli fa nomi e cognomi degli uomini della ‘ndrangheta che operano in Lombardia.

Ha condotto l’evento Pierluigi Senatore, caporedattore di Radio Bruno.

L’iniziativa è stata organizzata dall’associazione “NOI – Nuovi Orizzonti Insieme” di Novellara.

Novellara 4

“Libertà di informazione e antimafia”, incontro con Graziella Proto, stretta collaboratrice di Pippo Fava, giornalista ucciso da Cosa Nostra, e direttrice del mensile siciliano “Casablanca”.

L’iniziativa si è tenuta mercoledì 29 gennaio 2014 presso l’aula 2 dell’Università di Reggio Emilia.

Ha coordinato l’incontro: Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia.

In collaborazione con la Provincia di Reggio Emilia. Cura scientifica della dott.ssa Rosa Frammartino, con la collaborazione della Dott.ssa Pinuccia Montanari.

Introduzione di Ilenia Malavasi, assessore all’Istruzione della Provincia di Reggio Emilia, e del Prof. Dino Giovannini, direttore scientifico della biblioteca universitaria di Reggio.

Graziella Proto 1Graziella Proto 2

Mercoledì 22 gennaio 2014, presso il teatro “Franco Tagliavini” di Novellara (RE), incontro con Nando Dalla Chiesa, figlio del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso da Cosa Nostra.

Ha condotto l’evento Pierluigi Senatore, caporedattore di Radio Bruno.

L’iniziativa è stata organizzata dall’associazione “NOI – Nuovi Orizzonti Insieme” di Novellara.

novellara 3

Mercoledì 15 gennaio 2014 nell’aula “Mediateca” dell’Università di Reggio Emilia è stato presentato il libro “Cibo criminale. Il nuovo business della mafia italiana” con il co-autore Luca Ponzi, giornalista della Rai.

Ha coordinato l’incontro Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia.

Introduzioni all’evento di Pinuccia Montanari, responsabile della biblioteca dell’Università di Reggio Emilia e di Rosa Frammartino, responsabile dei progetti della legalità della Provincia di Reggio Emilia.

luca ponzi 1luca ponzi 2

Venerdì 13 dicembre 2013 al “Primo Maggio” di Guastalla serata sul radicamento mafioso a Reggio Emilia, organizzata dall’associazione “Guastalla 2030“, con:

Elia Minari, coordinatore della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia
Annalisa Duri, referente provinciale di Libera

Ha condotto la serata Alessandra Medici dell’associazione “Guastalla 2030″.

Durante la serata è stata proiettata l’inchiesta “Non è successo niente. 40 roghi a Reggio Emilia” e il video “Ho visto i dinosauri”, entrambe produzioni della web-tv Cortocircuito.

Durante l’incontro sono intervenuti anche Francesca Montanari, Andrea Franzoni e Gianluigi Iembo della redazione di Cortocircuito e del gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”.

Prima del dibattito c’è stato un buffet con i prodotti di Libera Terra, provenienti dai terreni confiscati alle mafie.

Ingresso gratuito.

Libera Reggio Emilia e Cortocircuito

Giovedì 12 dicembre 2013 ore 21 al circolo Arci “Tunnel” di Reggio Emilia, incontro “Interrogativo Italia” con:

- Nicola Tranfaglia, autore del libro “La mafia come metodo” (Mondadori), già editorialista de La Repubblica e de L’Unità, già prorettore dell’Università di Torino

- Riccardo Pelli ed Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia

Ha condotto: Sara di Antonio, giornalista

Ingresso gratuito.

1-Cortocircuito-web-tv-al-circolo-Arci-Tunnel ok

Martedì 3 dicembre 2013 nella Sala del Tricolore a Reggio Emilia incontro ”Amministratori sotto tiro” con Gianni Speranza, sindaco di Lamezia Terme, Comune calabrese sciolto due volte per infiltrazioni mafiose; Alessandra Clemente, assessore del Comune di Napoli, la cui madre è stata uccisa dalla Camorra; Alberto Borghi, sindaco di Bomporto, minacciato per aver denunciato le mafie in Emilia.

La serata è stata condotta da Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia.

Franco Corradini, assessore alla Coesione e sicurezza sociale del Comune di Reggio Emilia, ha fatto i saluti finali.

L’evento rientra all’interno della rassegna “Reggio contro le mafie.it”.

1-Cortocircuito-in-Sala-del-Tricolore okSindaco-di-Lamezia Gianni Speranza ok

Venerdì 29 novembre a Brescello, presentazione del dossier della fondazione Caponnetto sulle mafie in Emilia-Romagna.

L’incontro si è svolto dalle 21 nella sala Prampolini di via Cavallotti a Brescello (RE). Sono intervenuti il sindaco di Brescello Giuseppe Vezzani, Enrico Bini, presidente della Camera di Commercio di Reggio, il senatore Mario Giarrusso della commissione parlamentare antimafia, Renato Scalia, consigliere della Fondazione Caponnetto, Claudio Meneghetti, giornalista, e Salvatore Calleri, presidente della Fondazione Caponnetto.

fondazione caponnetto

Venerdì 22 novembre 2013 nella Sala del Tricolore a Reggio Emilia incontro “Mafie a Reggio Emilia e slot machine” con Giovanni Tizian, giornalista de L’Espresso, sotto scorta per il suo libro “Gotica” e i suoi articoli sulla criminalità organizzata in Emilia.

Durante la serata sono intervenuti anche:

- Matteo Iori, presidente del Coordinamento Nazionale Gruppo per Giocatori d’Azzardo

- Enrico Bini, presidente della Camera di Commercio di Reggio Emilia, uno dei primi a denunciare le mafie nella nostra città

La serata è stata condotta da Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia.

Franco Corradini, assessore alla Coesione e sicurezza sociale del Comune di Reggio Emilia, ha fatto i saluti finali.

L’evento rientra all’interno della rassegna “Reggio contro le mafie.it”.

Giovanni Tizian nella Sala del TricoloreGiovanni Tizian Sala del TricoloreSala del Tricolore

Mercoledì 20 novembre 2013 ore 21 a Barco di Bibbiano (RE) nella sala civica “Corradini”: incontro con Nicola Gratteri, procuratore aggiunto della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria e Antonio Nicaso, storico delle organizzazioni criminali.

Durante la serata è stato presentato il nuovo libro di Gratteri e Nicaso “Acqua santissima”.

La serata è stata coordinata da Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia.

Saluti iniziali di:
- Sandro Venturelli, sindaco di Bibbiano (RE)
- Sonia Masini, presidente della Provincia di Reggio Emilia

L’iniziativa è stata organizzata dal Comune di Bibbiano e dalla Provincia in collaborazione con il giornale studentesco Cortocircuito.

Cura scientifica della dott.ssa Rosa Frammartino.

Nicola Gratteri incontroNicola Gratteri e Antonio Nicaso

Martedì 12 novembre 2013 nella Sala del Tricolore a Reggio Emilia incontro “Mafia e Chiesa” con Gianluigi Nuzzi, autore dei bestseller “Vaticano Spa”, “Metastasi” e “Sua santità”.

La serata è stata condotta da Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia.

Franco Corradini, assessore alla Coesione e sicurezza sociale del Comune di Reggio Emilia, ha fatto i saluti finali.

L’evento rientra all’interno della rassegna “Reggio contro le mafie.it”.

Gianluigi Nuzzi incontroGianluigi Nuzzi ed Elia Minari

Martedì 29 ottobre 2013 nella Sala del Tricolore incontro con Piercamillo Davigo, giudice della Corte suprema di Cassazione ed ex Pm del pool “Mani pulite” e Peter Gomez, direttore del Fatto Quotidiano.it e autore del libro “Mani pulite”.

La serata è stata condotta da Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia.

Franco Corradini, assessore alla Coesione e sicurezza sociale del Comune di Reggio Emilia, ha fatto i saluti iniziali.

L’iniziativa rientra all’interno della rassegna “Reggio contro le mafie.it“.

Incontro con Davigo nella Sala del Tricolore 1Incontro con Davigo nella Sala del Tricolore 2Gomez Davigo rid

Martedì 1° ottobre 2013 alle ore 21.00 nella Sala del Consiglio comunale di Rubiera (RE) incontro pubblico con Ignazio Cutrò, imprenditore e testimone di giustizia sotto protezione, nonché presidente dell’Associazione Nazionale Testimoni di Giustizia.

Ha coordinato la serata Elia Minari della redazione di Cortocircuito. Introduzione di Emanuele Cavallaro, vice-sindaco del Comune di Rubiera.

Durante la serata sono stati proiettati alcuni estratti della video-inchiesta “Non è successo niente. 40 roghi a Reggio Emilia” realizzata da Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia.

Incontro aperto alla cittadinanza organizzato dal Comune di Rubiera (RE) insieme alla web-tv Cortocircuito e al gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”. In collaborazione con: Provincia di Reggio Emilia, progetto “Percorsi di cittadinanza e legalità” e associazione “100X100 in movimento” di Piacenza.

Ignazio-Cutro

Martedì 17 settembre 2013 alle ore 21 in Sala del Tricolore presentazione del progetto “Reggio contro le mafie.it” e proiezione in anteprima della video-inchiesta “Non è successo niente. 40 roghi a Reggio Emilia”, realizzata dalla redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia. [QUI la prima parte della video-inchiesta – QUI la seconda parte]

Nel corso della serata sono intervenuti anche diversi ospiti impegnati contro la criminalità organizzata, tra cui il magistrato Marco Imperato e Pierpaolo Romani, coordinatore nazionale di “Avviso Pubblico”.

Saluti istituzionali:
- Ugo Ferrari, vice-sindaco del Comune di Reggio Emilia
- Franco Corradini, assessore alla Coesione e sicurezza sociale del Comune di Reggio Emilia
- Sonia Masini, presidente della Provincia di Reggio Emilia
- Gian Guido Nobili, Regione Emilia-Romagna

L’evento è stato coordinato da Elia Minari della redazione di Cortocircuito.

La stessa sera, oltre al progetto “Reggio contro le mafie.it”, è stata presentata anche l’omonima rassegna che vedrà ospiti a Reggio Emilia magistrati e giornalisti antimafia.

[VEDI ALCUNI VIDEO DELLA SERATA]

Evento organizzato da Cortocircuito, in collaborazione con il Comune di Reggio Emilia, la Regione Emilia-Romagna e il gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”. Serata sostenuta dalla Provincia di Reggio Emilia, ”Alleanza reggiana per una società senza mafie”, “Avviso Pubblico”, associazione “Papa Giovanni XXIII” e “Caracò Editore”. L’iniziativa rientra all’interno del progetto “Reggio contro le mafie.it”.

Altre foto su www.cortocircuito.re.it

reggio contro le mafie 1

reggio contro le mafie 2reggio conttro le mafie 3regio contro le mafie 4

Giovedì 27 giugno 2013 incontro alla “Gabella” con l’ex magistrato Antonio Ingroia, ex procuratore antimafia di Palermo e pm nel processo sulla trattativa Stato-mafia.

A condurre l’incontro Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia e del gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”. L’evento è stato organizzato dal periodico di informazione locale Zon@civica, il cui direttore Donato Vena ha introdotto la serata. E’ intervenuto Mauro Bortolani, “Associazione reggiana per la Costituzione”.

Antonio Ingroia Elia Minari2-Gabella-Reggio-Emilia

Sabato 8 giugno 2013 al Parco Cervi di Reggio Emilia incontro pubblico con Maria Falcone, autrice del libro “Carceri, lo spazio è finito” e con Don Daniele Simonazzi, cappellano dell’Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Reggio Emilia.

Ha coordinato Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia e del gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”.

L’incontro rientra nel programma delle “Giornate dei Beni Comuni” che si sono tenute dal 5 al 9 giugno 2013 al Parco Cervi.

Maria-Falcone-1 ok

Incontro pubblico con Tina Montinaro, moglie del capo-scorta del magistrato Giovanni Falcone, una donna tosta che da 21 anni cerca la verità. Sabato 25 maggio 2013 alle 20:30 nella sala “Incontro” di Casalgrande (Reggio Emilia). Organizzato da “Buona Nascita onlus” e Comune di Casalgrande. Ha condotto l’incontro Sabrina Pignedoli.

tina montinaro casalgrande

astaVenerdì 17 maggio 2013 nella Sala Polivalente di Bibbiano (RE) incontro con Margherita Asta, referente del coordinamento dei familiari delle vittime di mafia.

“Noi contro le mafie 2013. Ci sono loro. Ma ci siamo anche noi”. Terza edizione del Festival della legalità: conferenze, dibattiti, spettacoli e laboratori sul tema della legalità e della lotta contro tutte le mafie. Organizzato dalla Provincia di Reggio Emilia insieme al consorzio Oscar Romero. Direzione di Antonio Nicaso e coordinamento staff scientifico di Rosa Frammartino. Radio Bruno, Caracò Editore e Cortocircuito web-tv sono i media partner del festival. Dal 13 al 18 maggio 2013.

festival contro mafie 2013giudice gennariAntonio-Nicaso-festival 2013

Lunedì 8 aprile 2013 nella Sala del Consiglio Comunale di Rubiera (RE) incontro pubblico con Maria Carmela Lanzetta, sindaco di Monasterace (RC) più volte minacciata dalla ‘ndrangheta, e con Goffredi Buccini, giornalista del Corriere della Sera autore del libro “L’Italia quaggiù” (Laterza).

Ha coordinato Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia e del gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”.

Introduzione di Emanuele Cavallaro, vicesindaco di Rubiera. Tra il pubblico erano presenti il sindaco di Rubiera Lorena Baccarani, la parlamentare Antonella Incerti ed Enrico Bini, presidente della Camera di Commercio di Reggio Emilia.

Evento organizzato dal Comune di Rubiera insieme al progetto “Percorsi di Cittadinanza e Legalità” del Consorzio Oscar Romero, curato da Rosa Frammartino e Mauro Ponzi.

1 Elia Minari Maria Carmela Lanzetta Goffredo Buccini Emanuele Cavallaro ok

GUARDA IL VIDEO DI UNA PARTE DELL’INCONTRO

“Enza Rando: 4 atti, 4 storie, 4 donne: 1 vita – L’avvocato di Libera racconta la lotta alla mafia”. Marco Battini dell’Associazione Papa Giovanni XXIII ha intervistato Enza Rando. Venerdì 22 marzo 2013 nella sede della Camera di Commercio di Palazzo Scaruffi. L’evento rientra all’interno della Rassegna della Legalità organizzata dal Comune di Reggio Emilia insieme a Libera. VEDI ALTRE INFO

enza rando ok

Nella giornata della memoria e dell’impegno per le vittime innocenti della mafia, cena e incontro con Rino Giacalone, giornalista di Articolo21, Narcomafie, Libera Informazione e Fatto Quotidiano, Bernardo “Dino” Petralia, sostituto procuratore a Marsala, Francesco Maria Arcangelo Caruso, presidente del Tribunale di Reggio Emilia. Mercoledì 20 marzo 2013 al Fuori Orario di Taneto di Gattatico (RE). L’evento rientra all’interno della Rassegna della Legalità organizzata dal Comune di Reggio Emilia insieme a Libera. VEDI ALTRE INFO

fuori orario ok

Presentazione del libro “Sulla strada per Corleone. Storie di mafia tra Italia e Germania” con l’autrice Petra Reski, giornalista tedesca. Giovedì 14 marzo 2013 all’Università di Reggio Emilia, viale Allegri 15.

Ha coordinato l’incontro Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia e del gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”.

Dino Giovannini, direttore scientifico della biblioteca dell’Università di Reggio, ha fatto i saluti iniziali e l’incontro è stato introdotto da Pinuccia Montanari, direttore tecnico della biblioteca dell’Università di Reggio e referente del progetto “Sostenibilità ambientale”.

Evento organizzato dall’Università insieme al progetto “Percorsi di Cittadinanza e Legalità” del Consorzio Oscar Romero, curato da Rosa Frammartino e Mauro Ponzi. In collaborazione con la Provincia di Reggio Emilia e la Regione Emilia Romagna.

17 reski ok

Giovedì 24 gennaio 2013 tavola rotonda all’Officina delle Arti di Reggio Emilia. Hanno partecipato all’incontro, organizzato dall’Officina Educativa del Comune di Reggio Emilia:

Iuna Sassi, assessore all’Educazione e alle Politiche giovanili del Comune di Reggio Emilia
Nando Rinaldi, consigliere comunale ed ex presidente del Consiglio comunale di Reggio Emilia
Don Giordano Goccini, presidente della Pastorale giovanile di Reggio Emilia
Michele Gagliardo, responsabile del “Piano Giovani” del gruppo Abele di Torino
Riccardo Faietti, portavoce del Forum del terzo settore di Reggio Emilia – Arci
Eric Sassi, membro della Conferenza degli studenti Unimore
Irene Sala, presidente della Consulta studentesca di Reggio Emilia
Matteo Foracchia, educatore e cantante dei DeSamistade

Ha coordinato il dibattito Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia e del gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”.

Tavola-rotonda-sui-giovani-Reggio-Emilia ok

Incontro pubblico con la testimone di giustizia Piera Aiello e Umberto Lucentini, biografo di Paolo Borsellino, scrive per “Il Giornale di Sicilia” e per “L’espresso”,  il 12 dicembre 2012 presso la Corte Ospitale di Rubiera (Reggio Emilia).

Piera Aiello dopo il matrimonio ha scoperto il vero volto del marito: mafioso figlio di mafioso. Rimasta vedova, con una figlia di tre anni, ha deciso di ribellarsi all’omertà. L’ha sostenuta il procuratore Paolo Borsellino, che le ha trasmesso il coraggio per affrontare la vita nell’ambito di un programma di protezione. Attualmente Piera Aiello vive in una località segreta sotto un’altra identità.

A condurre l’incontro Jacopo della Porta, caporedattore di Parmaonline. La serata è stata introdotta da Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia e del gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”. L’assessore alla Cultura di Rubiera Emanuele Cavallaro e il presidente del consorzio sociale Oscar Romero Mauro Ponzi hanno fatto i saluti iniziali.

Evento organizzato dal Comune di Rubiera insieme al progetto “Percorsi di Cittadinanza e Legalità” del Consorzio Oscar Romero, curato da Rosa Frammartino e Mauro Ponzi.

16 lucentini ok

GUARDA IL VIDEO DI UNA PARTE DELL’INCONTRO

Venti miliardi di fatturato, 49 clan presenti (26 ‘ndrine calabresi, 13 legati alla Camorra, 7 a Cosa Nostra, 3 alla Sacra corona unita), una presenza che a Reggio Emilia viene classificata “alta”, così come lo è quello che viene definito il rischio di colonizzazione.

La mappa della criminalità organizzata nella nostra regione e nella nostra provincia appare inquietante, addirittura “drammatica” come ha detto Renato Scalia, già membro della Dia e consigliere della Fondazione Antonino Caponnetto, presentando il primo rapporto sulla mafia in Emilia-Romagna, discusso il 31 ottobre 2012 nella Sala degli Specchi del teatro Valli e frutto del lavoro congiunto della Camera di Commercio di Reggio Emilia, presieduta da Enrico Bini, e della stessa fondazione “Caponnetto”, intitolata all’ideatore del pool antimafia di Palermo.

media cross rapporto camera di commercio ok

Camion incendiati, cene sospette, politici che ancora minimizzano, interdittive antimafia ad aziende che hanno operato nei cantieri pubblici: accade tutto a Reggio Emilia. “Le mafie – ha affermato il prof. Nicaso – sono arrivate qui perché servivano a qualcuno. Gli anticorpi? Non ci sono più”.

Incontro con Nicola Gratteri, procuratore aggiunto della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria e Antonio Nicaso, studioso e storico delle organizzazioni criminali, il 22 novembre 2012 al teatro Herberia di Rubiera (Reggio Emilia).

A condurre l’incontro Pierluigi Senatore, direttore della redazione giornalistica di Radio Bruno. La serata è stata introdotta da Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia e del gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”. L’assessore alla Cultura di Rubiera Emanuele Cavallaro ha fatto i saluti istituzionali.

Evento organizzato dal Comune di Rubiera insieme al progetto “Percorsi di Cittadinanza e Legalità” del Consorzio Oscar Romero, curato da Rosa Frammartino e Mauro Ponzi. In collaborazione con la Regione Emilia Romagna.

15 gratteri nicaso rubiera ok

GUARDA IL VIDEO DI UNA PARTE DELL’INCONTRO

Martedì 6 novembre 2012 si è tenuta, nel municipio di Reggio Emilia, una riunione del Coordinamento regionale di “Avviso Pubblico – Enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie”, associazione nazionale che collega e organizza gli amministratori impegnati a promuovere la cultura della legalità nella politica e nella Pubblica amministrazione. L’incontro è stato coordinato da Franco Corradini, assessore alla Coesione e sicurezza sociale del Comune di Reggio Emilia.

Avviso pubblico - Riunione regionale (6.11.12) ok

Incontro con Armando Spataro, procuratore aggiunto di Milano, il 15 ottobre 2012 a Poviglio (RE). Ha coordinato la serata Jacopo Della Porta, caporedattore di Parmaonline e ha introdotto il sindaco di Poviglio Gianmaria Manghi.

poviglio ok

Martedì 15 maggio 2012 al teatro Excelsior di Rubiera (RE) è andato in scena lo spettacolo teatrale di Alessandro Gallo “Di carne”, tratto dal suo romanzo “Scimmie” (con la partecipazione di Miriam Capuano e la regia di Maria Cristina Sarò).

A seguire, dibattito coordinato da Riccardo Pelli della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia e del gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”. Alessandro Gallo, 25 anni, è figlio del camorrista Gennaro Gallo; grazie al teatro ha intrapreso una strada opposta: oggi lotta contro la Camorra, attraverso il suo impegno di teatro civile. L’evento rientra all’interno del festival “Noi contro le mafie 2012″, organizzato dalla Provincia di Reggio Emilia e dal Consorzio Oscar Romero.

14 alessandro gallo ok

“Noi contro le mafie 2012. Ci sono loro. Ma ci siamo anche noi”. Seconda edizione del Festival della legalità: conferenze, dibattiti, spettacoli e laboratori sul tema della legalità e della lotta contro tutte le mafie. Organizzato dalla Provincia di Reggio Emilia insieme al consorzio sociale Oscar Romero. Direzione di Antonio Nicaso e coordinamento staff scientifico di Rosa Frammartino. La web-tv Cortocircuito è il media partner del festival. Dal 15 al 19 maggio 2012.

festival provincia 1 a ok

festival provincia 1 b ok

festival provincia 7 ok

festival provincia 8 ok

L’ex magistrato milanese Gherardo Colombo, famoso per le inchieste su Tangentopoli, Loggia P2 e delitto Ambrosoli, il 3 maggio 2012 ha tenuto una lectio magistralis al parco Cervi di Reggio Emilia dal titolo “Sulle regole della democrazia”. L’incontro rientra nel programma delle “Giornate dei Beni Comuni”.

Hanno coordinato la serata Gianluigi Iembo, Elia Minari e Riccardo Pelli della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia e del gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”.

11 colombo ok

12 colombo ok

13 colombo ok

Dialogo libero con Carolina Girasole, sindaco di Isola Capo Rizzuto e Graziano Delrio, sindaco di Reggio Emilia e presidente dell’ANCI. L’incontro, tenutosi il 21 marzo 2012 nell’aula magna dell’Università di Reggio Emilia, è stato coordinato da Nuccia Ciambrone e Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia e del gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”. L’evento rientra all’interno della Rassegna della Legalità organizzata dal Comune di Reggio Emilia insieme a Libera.  VEDI ALTRE INFO

rassegna legalità 2012 5 ok

rassegna legalità 2012 6 ok

rassegna legalità 2012 7 ok

rassegna legalità 2012 9 ok

Elia Minari università 2012

Sabato 25 febbraio 2012 Gaetano Alessi, premio Fava 2011 e collaboratore di Articolo 21, ha presentato il suo libro “Le eredità di Vittoria Giunti” alla biblioteca di Scandiano (Reggio Emilia). Vittoria Giunti è stata partigiana, prima donna sindaco della Sicilia e in prima linea contro Cosa Nostra. L’autore è stato intervistato da Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia e del gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”. Ha introdotto l’evento Giulia Iotti, assessore alla Cultura del Comune di Scandiano.

10 alessi ok

Domenica 5 febbraio 2012 nell’oratorio Helder Camara di San Polo d’Enza (Reggio Emilia) spaghettata antimafia con il giornalista della “Gazzetta di Modena”, autore del libro “Gotica”, recentemente finito sotto scorta per i suoi articoli sulla ‘ndrangheta in Emilia.

Tizian

Mercoledì 30 novembre 2011 Nando dalla Chiesa, sociologo e figlio del generale ucciso dalla mafia Carlo Alberto dalla Chiesa, ha fatto visita al Negozio Etico di Reggio Emilia, dove si possono acquistare i prodotti dei terreni confiscati alle mafie. Ad accoglierlo Annalisa Duri, referente di Libera, Franco Corradini, assessore alla Coesione e sicurezza sociale del Comune di Reggio Emilia e Matteo Iori, presidente dell’associazione Papa Giovanni XXIII.

media cross aperitivo nando dalla chiesa ok

8 in pattoSabato 5 novembre 2011 in Piazza Martiri del 7 Luglio è andato in scena “IN-PATTO“, serata dedicata al Patto “Alleanza reggiana per una società senza mafie”, con musica, interventi e testimonianze. L’evento è stato organizzato dalle associazioni “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”, “Quanto Basta”, Libera, giornale studentesco indipendente Cortocircuito, Colore e Collettivo Studentesco Locomotori.

Il 7 luglio 2011 si è riunito a Reggio Emilia un gruppo di lavoro sul tema degli appalti, promosso dall’associazione nazionale “Avviso Pubblico. Enti locali per la formazione civile contro le mafie”.

Avviso Pubblico è l’associazione che dal 1996 mette in rete gli enti locali che realizzano progetti di prevenzione dell’infiltrazione mafiosa nella pubblica amministrazione, unitamente ad azioni di diffusione della cultura della legalità democratica. Ad oggi, l’associazione conta 190 enti locali iscritti su tutto il territorio nazionale, di cui 37 in Emilia Romagna, tra i quali Reggio Emilia.

Il gruppo di lavoro nazionale “Appalti” è coordinato da Franco Corradini, assessore alla Coesione e sicurezza sociale del Comune di Reggio Emilia. All’incontro hanno partecipato Andrea Campinoti, presidente nazionale di Avviso Pubblico; Ivan Cicconi, direttore di “Itaca”; Luciano Silvestri, responsabile nazionale “Cgil per la legalità”; Maria Ferrucci, sindaco di Corsico (Mi); Giovanni Fazi, sindaco di Merlino (Lo); Gianfranco Donadio, magistrato della Direzione nazionale antimafia.

Avviso pubblico - Incontro a Reggio E. sul tema Appalti (7.7.11) ok

“Noi contro le mafie 2011. Ci sono loro. Ma ci siamo anche noi”. Prima edizione del Festival della legalità: conferenze, dibattiti, spettacoli e laboratori sul tema della legalità e della lotta contro tutte le mafie. Organizzato dalla Provincia di Reggio Emilia insieme al consorzio Oscar Romero. Direzione di Antonio Nicaso e coordinamento staff scientifico di Rosa Frammartino. Cortocircuito web-tv è il media partner del festival. Dal 27 al 29 maggio 2011.

festival provincia 2011 1 ok

festival provincia 2011 2 ok

festival provincia 2011 3 ok

folla-per-Giovanni-Impastato-reggio-emilia1-300x229Incontro pubblico con Giovanni Impastato, fratello di Peppino Impastato, giornalista e attivista ucciso dalla mafia. L’evento si è tenuto il 25 maggio 2011 in piazza Casotti.

L’incontro è stato coordinato da Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia e del gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”. Hanno fatto i saluti iniziali Franco Corradini, assessore alla Coesione e sicurezza sociale del Comune di Reggio Emilia, e il presidente del consorzio Romero Mauro Ponzi.

“Nostro padre e i suoi fratelli, tutti mafiosi – ha spiegato Giovanni Impastato – erano per noi delle figure protettive, ma tutto finisce quando lo zio Manzella viene ucciso”, “lì Peppino inizia a riflettere”. L’incontro si è concluso con l’elenco – commovente anche per Impastato – di tutti i giornalisti uccisi dalle mafie.

Evento organizzato dal Comune di Reggio Emilia insieme a Gabella e al progetto “Percorsi di Cittadinanza e Legalità” del Consorzio Oscar Romero, curato da Rosa Frammartino e Mauro Ponzi.

7 impastato ok

 GUARDA IL VIDEO DI UNA PARTE DELL’INCONTRO

Sabato 21 maggio 2011 i gruppi giovanili “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie” e giornale studentesco indipendente Cortocircuito hanno inaugurato ai Giardini Pubblici di Reggio Emilia la targa in memoria di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e di tutte le vittime della mafia. Hanno preso parte all’iniziativa tanti giovani e gente comune, oltre al magistrato del tribunale di Reggio Emilia Anna Maria Casodonte e ad Antonio Nicaso, profondo conoscitore dei fenomeni mafiosi e già in città in vista del festival della legalità. Hanno partecipato anche i gruppi sostenitori dei quattro referendum del 12 e 13 giugno 2011, insieme a parlamentari ed assessori reggiani.

3 targa ok

4 targa ok

5 targa ok

Venerdì 29 aprile 2011 alle 21 alla Gabella, spazio del Comune di Reggio Emilia sotto l’arco di via Roma, incontro con Giovanni Chinnici, figlio del giudice Rocco Chinnici ucciso dalla mafia.

Hanno coordinato la serata Pietro Montorsi, Francesco Chiriatti e Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia e dei “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”.

media cross rocco chinnici gabella okok

6 giovani contro le mafie okok“Giovani contro le mafie. Giovani per la legalità” è il titolo di un progetto che dal 18 aprile al 23 maggio 2011 ha portato momenti di sensibilizzazione sul territorio del distretto di Reggio Emilia e che è stato realizzato in collaborazione con alcune realtà giovanili del territorio. Incontri, proiezioni, spettacoli teatrali, attività formative, produzione di una pubblicazione e di video per comunicare al territorio e ai giovani il valore della legalità e del contrasto alle mafie.

CHI SONO

L’iniziativa promossa dai Comuni del distretto di Reggio Emilia (Albinea, Bagnolo in Piano, Cadelbosco Sopra, Castelnovo Sotto, Quattro Castella, Reggio Emilia, Vezzano sul Crostolo) è finanziata dalla Legge 14/2008 della Regione Emilia-Romagna e rientra nel programma “Legalità e rispetto delle regole” della Provincia di Reggio Emilia. A realizzare e promuovere le attività sono state chiamate alcune associazioni del territorio: giornale studentesco indipendente Cortocircuito, Giovani a Reggio Emilia contro le mafie, Centro giovani di Albinea – progetto InContro le mafie, Collettivo Studentesco Locomotori, Gabella, Maki Pub, Officina educativa e il progetto Percorsi di Cittadinanza e Legalità del consorzio Romero.

“Giovani contro le mafie. Giovani per la legalità” è un percorso che vede le Amministrazioni locali e i gruppi giovanili del territorio collaborare per mettere a valore l’impegno per testimoniare due valori: la promozione della legalità e della giustizia.

IL PROGRAMMA

18 aprile 2011 ore 21 – Reggio Emilia, Gabella – Giovanna Maggiani Chelli – presidente associazioni famigliari e vittime strage di via dei Georgofili
26 aprile ore 21 – Albinea, Sala Civica – Calogero Paci – presidente fondazione Legalità “Paolo Borsellino” Sala del Consiglio
29 aprile ore 21 – Gabella – Giovanni Chinnici – presidente Fondazione Rocco Chinnici
13 maggio ore 21 – Albinea, Sala Civica – Don Marcello Cozzi – Libera Basilicata
17 maggio ore 21 – Bagnolo, Maki pub – don Luigi Merola – prete anticamorra
20 maggio ore 21 – Cadelbosco, teatro – Giulio Cavalli – spettacolo teatrale sulla legalità a ingresso gratuito “Nomi, cognomi, infami”
21 maggio ore 17:30 – Giardini pubblici di Reggio – Inaugurazione targa a Falcone e Borsellino

DVD E COMUNICAZIONE

All’interno del progetto è stato anche presentato una pubblicazione con annesso dvd e materiali di comunicazione che documentano il percorso promosso da diverse realtà giovanili del territorio impegnate negli ultimi anni a realizzare attività e progetti contro le mafie e per la promozione di una cultura della legalità. I materiali di comunicazione, pensati per i giovani, sono legati ai temi delle mafie: per contrastare lo spaccio di droga che finanzia le mafie o sui temi della legalità, dal contrasto all’evasione fiscale al rispetto delle regole.

2 27 gennaio okGiovedì 27 gennaio 2011, grazie al convegno “Memoria e impegno contro culture razziste e mafie”, la nostra città ha vissuto una giornata della Memoria al di fuori dei soliti schemi.

L’incontro, per la parte “lotta di liberazione dalle mafie”, ha visto la presenza di Nicola Gratteri, Procuratore Antimafia di Reggio Calabria. Gratteri, autore de “La Malapianta” e di “Fratelli di sangue”, è il magistrato attualmente più esposto nella lotta contro la ‘ndrangheta.

Inoltre, per ricordare l’impegno e la memoria contro il razzismo e il significato della giornata della Memoria sono intervenuti Nando Rinaldi, direttore di Istoreco e Giacomo Notari, presidente dell’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani Italiani) di Reggio Emilia.

Il convegno, moderato dalla conduttrice del Tg di Teletricolore Cristiana Boni, è stato introdotto dai saluti di Sonia Masini, presidente della Provincia di Reggio Emilia, di Mauro Ponzi, presidente del consorzio sociale Oscar Romero e di Riccardo Pelli, vicepresidente della Consulta Provinciale degli Studenti di Reggio Emilia e collaboratore di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia.

Evento organizzato dalla Provincia insieme al progetto “Percorsi di Cittadinanza e Legalità” del Consorzio Oscar Romero, curato da Rosa Frammartino e Mauro Ponzi.

Incontro con Antonio Nicaso, studioso, storico e scrittore, nonché uno dei massimi esperti di ‘ndrangheta a livello internazionale, il 10 dicembre 2010 alla Gabella, spazio del Comune di Reggio Emilia sotto l’arco di via Roma. Ha coordinato l’iniziativa Elia Minari della redazione di Cortocircuito, web-tv e giornale studentesco indipendente di Reggio Emilia e del gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”.

Evento organizzato da Gabella insieme al progetto “Percorsi di Cittadinanza e Legalità” del Consorzio Oscar Romero, curato da Rosa Frammartino e Mauro Ponzi.

1 nicaso-gabella ok

6 febbario 2010 in gabella ok Il 6 febbraio 2010 alle ore 17.30 in Gabella incontro antimafia organizzato dal gruppo “Giovani a Reggio Emilia contro le mafie”, in collaborazione con Cortocircuito.

6 febbraio 2010 foto 1 ok

6 febbraio 2010 foto 2 ok

 

 

http://www.reggiocontrolemafie.it/wp-content/themes/selecta